EMD112 - Prodotti e Formazione Salvavita

Immagine rappresentativa

Arresto cardiaco in Europa: dati statistici e implicazioni cliniche

Approfondimento sulle manovre di ECPR e ECMO

L’arresto cardiaco rappresenta una delle principali cause di morte in Europa, responsabile di circa il 20% dei decessi totali.

La sopravvivenza in caso di arresto cardiaco rimane estremamente bassa, con stime che variano dal 2% all’8% a seconda delle circostanze e dell’efficacia dell’intervento.

Ogni anno, in Europa, si registrano tra 67 e 170 casi di arresto cardiaco extraospedaliero ogni 100.000 abitanti.

Di questi, circa la metà riceve un trattamento di Rianimazione Cardio-Polmonare (RCP) da parte di personale specializzato.

Tuttavia, solo l’8% dei pazienti che subiscono un arresto cardiaco fuori dall’ospedale sopravvive fino al ricovero.

Gli arresti cardiaci che avvengono in ospedale mostrano un’incidenza di 1,5-2,8 casi ogni 1.000 ricoveri, con una percentuale di sopravvivenza significativamente più alta, stimata tra il 15% e il 34%.

Per quanto concerne il panorama italiano, sono 60.000 che si verificano ogni anno in Italia, 1 ogni 1.000 abitanti (oppure 100 ogni 100.000 abitanti, per poter verificare l’incidenza con la media europea).

Un individuo colpito da arresto cardiaco perde conoscenza, non respira o respira in modo anomalo e non mostra segni di movimento. In tali situazioni, è fondamentale eseguire immediatamente la RCP per mantenere un minimo di circolazione sanguigna e preservare le funzioni cerebrali.

La manovra di compressione toracica, spesso rappresentata nei media, prevede la compressione del centro del torace per stimolare il cuore e mantenere il flusso sanguigno. Questa pratica può causare fratture dello sterno o delle costole, ma è essenziale per mantenere la circolazione.

In questo interessante articolo trattato sul sito Il Post, si illustrano le tecniche di ECPR e ECMO, argomenti spesso poco trattati.

In casi di arresto cardiaco refrattario, dove le tecniche convenzionali falliscono, si può ricorrere alla rianimazione cardiopolmonare extracorporea (ECPR).

Questa tecnica utilizza sistemi di circolazione extracorporea per sostituire temporaneamente le funzioni del cuore e dei polmoni, guadagnando tempo per risolvere le cause dell’arresto.

L’ossigenazione extracorporea a membrana (ECMO) è un sistema di supporto vitale che viene impiegato sia per il cuore che per i polmoni.

L’ECMO può essere veno-venosa (per i soli polmoni) o veno-arteriosa (per cuore e polmoni).

Nonostante l’efficacia potenziale della ECPR e dell’ECMO, la loro applicazione è limitata da costi elevati e dalla necessità di personale altamente specializzato.

La selezione dei pazienti è cruciale per il successo di questi trattamenti.

In Italia, ospedali come il Policlinico di Milano (Ospedale Maggiore) e l’Ospedale Papa Giovanni XXIII di Bergamo fanno parte della Extracorporeal Life Support Organization (ELSO), che promuove lo sviluppo e la condivisione delle pratiche cliniche riguardanti la ECPR.

La rete ECMONet facilita il coordinamento dei centri ECMO in Italia, riducendo i tempi di accesso e migliorando la qualità delle cure. Tuttavia, le sfide logistiche e finanziarie rimangono significative, richiedendo ulteriori studi e investimenti per ottimizzare l’uso di queste tecnologie salvavita.

Contattaci se desideri ulteriori informazioni in merito

    Blog
    DAE/Cardioprotezione

    Arresto cardiaco in Europa: dati statistici e implicazioni cliniche

    Scopri di più

    Blog
    Cronaca

    L’inflencer e content creator Davide Patron in arresto cardiaco, salvato con il defibrillatore

    Scopri di più

    Blog
    Eventi

    Emd112® sponsor tecnico di Agility Dog e BLSD, con Marco Squicciarini e Massimo Perla

    Scopri di più

    Blog
    Blog

    Arresto Cardiaco: Chiara Fornasari salvata dal DAE

    Scopri di più

    Blog
    Blog

    DAE e Cardioprotezione

    In Europa si verificano ogni anno circa 400mila arresti cardiaci (60mila in Italia) e si stima […]

    Scopri di più

    Blog
    Donazione defibrillatori

    Donato il defibrillatore alla persona salvata nel 2018 in piscina a Ancona

    Scopri di più
    Tra gli altri
    ci hanno scelto
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza

    I migliori prodotti
    La Migliore assistenza

    Offrire una seconda chance di vita a coloro che sono stati colpiti da arresto cardio-circolatorio proponendo e distribuendo in tutta Italia i defibrillatori DAE semiautomatici esterni.

    Resistenza

    Protezione IP56

    Affidabilità

    8 anni di garanzia

    Tecnologia

    DAE portatili extra-ospedaliero

    Potenza

    Massimo energia 360J

    Semplicità

    Avvisi visuali e vocali

    Convenienza

    Minor costo di manutenzione

    Innovazione

    Connettività Wi-fi

    Assistenza

    Aggiornamenti gratuiti via USB