EMD112 - Prodotti e Formazione Salvavita

Immagine rappresentativa

Morte Cardiaca Improvvisa (MCI)

Per Morte Cardiaca Improvvisa (o Morte Improvvisa) si intende una morte naturale, preceduta da un’improvvisa perdita di conoscenza da parte del soggetto colpito, che si verifica entro un’ora dall’inizio dei sintomi o in assenza di sintomi, in persone con o senza cardiopatia nota preesistente.

Quello che avviene è una improvvisa cessazione della funzione di pompa del cuore (Arresto Cardiaco). Tale condizione, se non trattata adeguatamente e tempestivamente con opportune manovre rianimatorie (manovre RCP e defibrillazione precoce), porta inesorabilmente alla morte del soggetto colpito.

Nel soggetto colpito da arresto cardiaco, infatti, si verifica immediatamente un arresto circolatorio e una caduta della pressione sanguigna, con conseguente perdita della coscienza dopo appena 10-15 secondi. Dopo qualche istante, la mancata perfusione dei centri respiratori porta ad un arresto respiratorio e già dopo circa 4 minuti dall’evento le cellule del cervello entrano in sofferenza, iniziando a morire e provocando danni cerebrali irreversibili.

La Morte Improvvisa può essere espressione di una sottostante cardiopatia clinicamente silente, di una ostruzione delle coronarie o di una o più anomalie congenite non sempre diagnosticate, colpendo anche persone (talvolta, purtroppo, molto giovani) in apparente stato di salute. Essa rappresenta circa il 70% di tutti i decessi per malattie cardiovascolari.

Le vittime della Morte Cardiaca Improvvisa (abbreviata in MCI) sono, ogni anno, all’incirca 1 ogni 1000 abitanti: questo significa circa 350.000 decessi l’anno negli Stati Uniti d’America e circa 60.000 decessi l’anno in tutta Italia.

Morte Cardiaca Improvvisa: condizioni patologiche associate

La causa principale della Morte Cardiaca Improvvisa è rappresentata dalla cardiopatia ischemica (nell’80% dei casi circa), mentre le cardiomiopatie causano circa il 10-15% degli episodi. Nei casi restanti, la causa di MCI è rappresentata da patologie più rare come la stenosi valvolare aortica, alcune cardiopatie congenite e le cardiopatie aritmogene ereditarie. In alcuni casi, infine, non è stato possibile identificare la causa della Morte Cardiaca Improvvisa. Di seguito tratteremo nel dettaglio solamente le principali patologie associate a MCI.

Cardiopatia ischemica

Come accennato poc’anzi, la causa più importante della MCI è rappresentata dalla Cardiopatia ischemica, che, di frequente, è associata a una sindrome coronarica acuta, come l’infarto miocardico acuto (IMA) o l’angina instabile. Il meccanismo ultimo è in genere una Fibrillazione Ventricolare (FV), facilmente trattabile mediante defibrillazione precoce.

Cardiomiopatie

Le Cardiomiopatie sono malattie cardiache che derivano da un’anomalia primitiva del miocardio (il muscolo del nostro cuore). Sono sostanzialmente tre le principali cardiomiopatie che si associano a MCI:

  • la Cardiomiopatia dilatativa, caratterizzata da una progressiva dilatazione delle camere cardiache con conseguente assottigliamento della parete, che compromette la funzione contrattile del cuore. La Morte Cardiaca Improvvisa è responsabile di circa il 50% dei decessi dei pazienti che presentano tale patologia.
  • la Cardiomiopatia ipertrofica, caratterizzata da ipertrofia ventricolare e associata, tendenzialmente, ad ipertrofia asimmetrica del setto. Nel 70% dei casi ha un andamento famigliare. Questo tipo di cardiomiopatia presenta un elevato rischio di aritmie maligne e la MCI può essere la prima manifestazione della malattia: è infatti la prima causa di Morte Cardiaca Improvvisa negli atleti sotto i 35 anni di età.
  • la Cardiomiopatia-Displasia aritmogena del ventricolo destro, caratterizzata dalla sostituzione fibro-adiposa del miocardio ventricolare. Generalmente interessa il ventricolo destro, ma può successivamente interessare anche il ventricolo sinistro. Nel 30-50% dei casi ha origine genetica. Questa patologia si associa ad un elevato rischio di aritmie ventricolari che possono portare a Morte Cardiaca Improvvisa, indotta, in particolare, dall’esercizio fisico. Anche questa patologia, quindi, è una delle principali cause di MCI nei giovani atleti.

Fattori di Rischio

Il principale fattore di rischio per la MCI è rappresentato da precedenti attacchi di cuore. Infatti, il 75% circa delle persone che hanno perso la vita a causa della Morte Cardiaca Improvvisa avevano una storia di attacchi di cuore.

Oltre a ciò, rappresentano ulteriori fattori di rischio:

  • la presenza di aritmie cardiache con cause sconosciute;
  • la tachicardia, anche a riposo;
  • una bassa frazione di eiezione ventricolare;
  • episodi di svenimento per cause sconosciute;
  • una storia famigliare di cardiopatie o di MCI.

Altri fattori che probabilmente fanno aumentare il rischio di Morte Cardiaca Improvvisa sono l’utilizzo di alcuni tipi di farmaci, il diabete, il fumo, lo stress, l’abuso di alcol, l’aumento dei livelli di uno o più grassi nel sangue e il colesterolo alto.

Incidenza sulla popolazione

Come abbiamo già accennato nella parte introduttiva di questo articolo, nel nostro Paese la Morte Cardiaca Improvvisa è responsabile di circa 60.000 decessi all’anno. L’incidenza, quindi, è di circa 1/1.000 abitanti ogni anno.

È stato stimato, inoltre, che la MCI è responsabile di circa il 70% di tutti i decessi dovuti a cause di origine cardiovascolare.

Essa si manifesta in predominanza nel sesso maschile e in tutte le fasce d’età, ciò nondimeno, può verificarsi anche nelle donne, soprattutto se è presente un substrato cardiovascolare patologico.

La Morte Cardiaca Improvvisa, purtroppo, può colpire anche i bambini, specialmente entro i primi 6-12 mesi di età. In questi casi si parla più precisamente di sindrome della morte in culla, anche nota con l’acronimo SIDS, dall’inglese Sudden Infant Death Syndrome.

Sintomi

Come dice il nome stesso, la Morte Cardiaca Improvvisa si manifesta in maniera improvvisa e inaspettata: di punto in bianco il soggetto crolla a terra, perdendo coscienza, apparentemente già privo di vita.

Di quando in quando, però, prima di arrivare alla perdita di coscienza, i pazienti possono manifestare “segni premonitori” in grado di indicare l’imminente arresto cardiaco, che se non trattato adeguatamente e tempestivamente porta alla MCI. Tali sintomi sono:

  • sudorazione fredda;
  • dolore toracico, spesso simile a un mal di stomaco, che si irradia a braccia, dorso, gola e mandibola;
  • dispnea, tosse e difficoltà respiratorie;
  • agitazione;
  • debolezza;
  • nausea e vomito.

Purtroppo, però, non sempre i suddetti segni premonitori si manifestano per tempo, rendendo praticamente impossibile riconoscere l’incombente arrivo della Morte Cardiaca Improvvisa.

Morte Cardiaca Improvvisa: come intervenire

In caso di Morte Cardiaca Improvvisa, l’unica possibilità di sopravvivenza del soggetto è rappresentata da un’esecuzione tempestiva della rianimazione cardiopolmonare (RCP) e dalla defibrillazione precoce (entro i primi 2-3 minuti) mediante un defibrillatore semiautomatico o automatico esterno, altrimenti detto defibrillatore DAE.

Teniamo a precisare che i suddetti interventi di primo soccorso devono essere effettuati solamente se il paziente non è cosciente e non respira, o comunque respira in maniera difficoltosa e/o non normale. Una volta accertato quanto appena descritto, è necessario allertare i soccorsi chiamando immediatamente il 112 o il 118, e, solo a questo punto, si potrà procedere con le manovre RCP e l’utilizzo del defibrillatore.

Casistiche famose

Nelle cronache italiane non sono mancati episodi di Morte Cardiaca Improvvisa di atleti professionisti dichiarati idonei all’attività agonistica, con una dieta e regime di allenamento controllati dai medici dello sport, sani dal punto di vista generale e dei parametri vitali.

Fra gli altri ricordiamo i calciatori Piermario Morosini, Davide Astori, Flavio Gagliardini, Marc-Vivien Foé, Miklós Fehér, Domingos Gomes, il pallavolista Vigor Bovolenta e il nuotatore norvegese Dale Oen.

Contattaci se desideri ulteriori informazioni in merito

Blog
DAE/Cardioprotezione

Il Ministero Della Salute è cardioprotetto con i defibrillatori LIFEPAK® CR2 WiFi+3G

Scopri di più

Blog
News

Sammy Basso e Giusy Versace: rendiamo effettiva la legge sul defibrillatore obbligatorio

Scopri di più

Blog
Eventi

Corso di BLSD Certificato IRC e Accreditato ARES 118

Scopri di più

Blog
Donazione defibrillatori

Donato il defibrillatore alla persona salvata nel 2018 in piscina a Ancona

Scopri di più

Blog
Donazione defibrillatori

Roma, donato il defibrillatore a FISE per il collega salvato da arresto cardiaco, che lo ha destinato alla cardioprotezione del suo condominio

Scopri di più

Blog
Beneficienza

Cecchini Cuore: 100 defibrilaltori donati, 480 installati e 12 persone salvate. Supporta anche tu la onlus

Scopri di più
Tra gli altri
ci hanno scelto
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza

I migliori prodotti
La Migliore assistenza

Offrire una seconda chance di vita a coloro che sono stati colpiti da arresto cardio-circolatorio proponendo e distribuendo in tutta Italia i defibrillatori DAE semiautomatici esterni.

Resistenza

Protezione IP56

Affidabilità

8 anni di garanzia

Tecnologia

DAE portatili extra-ospedaliero

Potenza

Massimo energia 360J

Semplicità

Avvisi visuali e vocali

Convenienza

Minor costo di manutenzione

Innovazione

Connettività Wi-fi

Assistenza

Aggiornamenti gratuiti via USB