EMD112 - Prodotti e Formazione Salvavita

L’arresto cardiaco non guarda in faccia nessuno

Un 57enne, un 24enne e un bambino di 7 anni. Che cos’hanno in comune? A distanza di poche ore l’uno dall’altro sono stati colpiti da un arresto cardiaco. Ma soltanto il primo, purtroppo, si è salvato: una tragedia.

La sera di sabato 10 febbraio un uomo di 57 anni si trovava allo Stadio San Paolo per seguire il match tra Napoli e Lazio, vinto dalla squadra partenopea. Poco prima dell’inizio della partita, l’uomo è stato colpito da un arresto cardiaco. In aiuto del 57enne sono prontamente intervenuti gli addetti alla sicurezza dello stadio e le squadre di servizio sanitario di Medicina Futura.

I sanitari hanno immediatamente praticato sull’uomo le opportune manovre di Rianimazione Cardio-Polmonare (manovre RCP), ma è stato grazie all’utilizzo di un defibrillatore semiautomatico esterno (DAE) che sono riusciti a rianimarlo e, di fatto, a salvargli la vita.

Poco dopo, i sanitari del 118 lo hanno trasportato al vicino ospedale San Paolo, dove tuttora è ricoverato. Le sue condizioni di salute, però, non destano particolari preoccupazioni.

Totalmente diverso, purtroppo, è stato l’esito della vicenda che ha riguardato il piccolo Diego Marisi. Il bambino, di soli 7 anni, sabato 10 febbraio si trovava al parco assieme ai suoi genitori a festeggiare il compleanno di un suo amichetto.

Era un giorno come tanti altri, fino a quando il piccolo si è improvvisamente accasciato a terra. Stava correndo insieme ad altri bambini quando è stato colpito da un arresto cardiaco all’interno dell’area giochi Happyland di Forlì.

Chiamati prontamente i soccorsi, Diego è stato trasportato d’urgenza all’ospedale Pierantoni Morgagni, ma il piccolo non ce l’ha fatta. Al suo arrivo non si è potuto fare altro che constatarne il decesso, nonostante i tentativi disperati del personale di rianimarlo. Oggi verrà celebrato il suo funerale.

Venerdì 9 febbraio, invece, l’arresto cardiaco ha colpito sul posto di lavoro un giovane papà di soli 24 anni. La tragedia è avvenuta a Brugherio, nell’azienda in cui Francesco Calzone lavorava. Il malore, come succede sempre in questi casi, lo ha colpito in un istante. Trasportato in condizioni disperate al nosocomio di San Gerardo, Francesco è deceduto nella giornata di ieri, lasciando la compagna e un bambino di soli 3 mesi.

Nessuno può sapere se Diego e Francesco avrebbero potuto essere ancora tra noi se fossero stati defibrillati in maniera tempestiva. Quello che è certo, però, è che l’unico strumento efficace in caso di arresto cardiaco è proprio un defibrillatore semiautomatico esterno: in caso di fibrillazione ventricolare, l’aritmia che più comunemente causa l’arresto cardio-circolatorio, è necessario azzerare il battito cardiaco mediante scarica elettrica per poi ripristinarne uno nella norma. E tale operazione è fattibile solo mediante l’utilizzo di questi dispositivi salvavita.

Anche il tempo di intervento è fondamentale, sia per la salvezza in sé sia per evitare danni cerebrali permanenti. Se il cuore non riesce a pompare sangue al cervello anche “solo” per alcuni minuti, è praticamente impossibile non subirne le conseguenze, la più estrema delle quali, naturalmente, è la morte.

È stato calcolato che, in caso di arresto cardiaco, per ogni minuto che passa le probabilità di sopravvivere diminuiscono del 10% circa. Ciò significa che dopo soli 5 minuti dal malore la probabilità evitare il peggio è pressoché del 50%.
In Italia il tempo medio di intervento del 118 è di 12-15 minuti: non ci vuole molto, quindi, a capire che, in questi casi, non è sufficiente aspettare i soccorsi. Avere a portata di mano un defibrillatore semiautomatico esterno è l’unica maniera efficace per poter vincere la partita contro l’arresto cardiaco.

Teniamo a precisare che la nostra intenzione non è assolutamente quella di sollevare polemiche, ma quella di far comprendere a più persone possibile l’importanza fondamentale di questi dispositivi salvavita. Soprattutto considerando che l’arresto cardiaco, purtroppo, non è così infrequente come tendiamo a credere: in Italia colpisce, in media, una persona ogni 8 minuti circa, senza fare distinzione fra maschi e femmine e fra anziani, giovani e bambini. Sono numeri decisamente allarmanti sui quali si può e dobbiamo intervenire.

Siamo vicini alle famiglie di Diego e di Francesco.

Contattaci se desideri ulteriori informazioni in merito

Blog
News

Corso Operatore Massaggiatore Cardiaco Automatico LUCAS® 3 Aeronautica Militare – 2° Stormo

Scopri di più

Blog
DAE/Cardioprotezione

Defibrillatore Stryker® LIFEPAK® CR2 – cprINSIGHT™

Scopri di più

Blog
News

Corso BLSD a Roma certificato IRC e accreditato ARES 118

Scopri di più

Blog
Donazione defibrillatori

Donato il defibrillatore alla persona salvata nel 2018 in piscina a Ancona

Scopri di più

Blog
Donazione defibrillatori

Roma, donato il defibrillatore a FISE per il collega salvato da AR, che lo ha destinato alla cardioprotezione del suo condominio

Scopri di più

Blog
Beneficienza

Cecchini Cuore: 100 defibrilaltori donati, 480 installati e 12 persone salvate. Supporta anche tu la onlus

Scopri di più
Tra gli altri
ci hanno scelto
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza

I migliori prodotti
La Migliore assistenza

Offrire una seconda chance di vita a coloro che sono stati colpiti da arresto cardio-circolatorio proponendo e distribuendo in tutta Italia i defibrillatori DAE semiautomatici esterni.

Resistenza

Protezione IP56

Affidabilità

8 anni di garanzia

Tecnologia

DAE portatili extra-ospedaliero

Potenza

Massimo energia 360J

Semplicità

Avvisi visuali e vocali

Convenienza

Minor costo di manutenzione

Innovazione

Connettività Wi-fi

Assistenza

Aggiornamenti gratuiti via USB