EMD112 - Prodotti e Formazione Salvavita

Ciclista in arresto cardiaco: lo salva il defibrillatore

Si accascia al suolo e a salvarlo è l’uso tempestivo del defibrillatore. Succede ad Abbiategrasso in provincia di Milano,  dove ieri pomeriggio un ciclista 69enne colpito da arresto cardiaco, è stato rianimato da un’equipe della Croce Oro Gaggiano, che ha subito eseguito sul malcapitato le manovre di rianimazione con il defibrillatore.
Ancora una volta la defibrillazione precoce , come spesso è stato dimostrato dalle cronache più recenti, ha consentito la ripresa del battito cardiaco e del respiro spontaneo. Alla fine il pensionato è stato trasferito, in codice rosso, all’ospedale San Carlo di Milano.

Stessa sorte toccava ad un 68enne di Montorio al Vomano, durante il trasferimento all’ospedale ‘Mazzini’ di Teramo; per ben due volte il paziente è andato in arresto cardiaco e per ben due volte è stato defibrillato e riportato in vita grazie all’intervento immediato di Andrea Saraceni, Umberto Pigliacelli e Laura De Dominicis, i volontari della Croce Bianca locale nata per soccorrere i cittadini in caso di bisogno.
Due esempi di come la sensibilizzazione all’uso del defibrillatore e le crescenti  iniziative perché ogni luogo pubblico si munisca di DAE, stiano diventando sempre più un punto fermo nell’ambito della cardioprotezione. Perché un defibrillatore non è solo un obbligo di legge, ma una necessità reale.

Ogni anno infatti in Italia, circa 60mila persone muoiono per  arresto cardiaco improvviso; secondo le casistiche prese in esame e gli studi condotti l’intervento tempestivo con defibrillazione precoce entro i primi 5 minuti dall’arresto cardiaco, può garantire la sopravvivenza nell’ 80% dei casi.
Dopo soltanto 5 minuti dall’attacco cardiaco, pertanto, le possibilità di salvezza sono scese al 50 per cento e ci sono già altissime probabilità della permanenza di danni celebrali dovuti al mancato afflusso di ossigeno al cervello.
Creare una rete di Defibrillatori ad Accesso Pubblico quindi distanti l´uno dall´altro non più di 2/3 minuti di cammino, significa poter garantire tempistiche d´intervento in grado di ridurre di oltre il 50 per cento i decessi causati da Morte Improvvisa.

Contattaci se desideri ulteriori informazioni in merito

Blog
Cronaca

A partire dal 1° dicembre 2020 attivo in Toscana il NUE112

Scopri di più

Blog
Cronaca

Diego Armando Maradona è morto per arresto cardiaco

Scopri di più

Blog
Cronaca

Arresto cardiaco durante la partita di beach volley, salvato dal defibrillatore

Scopri di più

Blog
Donazione defibrillatori

Donato il defibrillatore alla persona salvata nel 2018 in piscina a Ancona

Scopri di più

Blog
Donazione defibrillatori

Roma, donato il defibrillatore a FISE per il collega salvato da arresto cardiaco, che lo ha destinato alla cardioprotezione del suo condominio

Scopri di più

Blog
Beneficienza

Cecchini Cuore: 100 defibrilaltori donati, 480 installati e 12 persone salvate. Supporta anche tu la onlus

Scopri di più
Tra gli altri
ci hanno scelto
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza

I migliori prodotti
La Migliore assistenza

Offrire una seconda chance di vita a coloro che sono stati colpiti da arresto cardio-circolatorio proponendo e distribuendo in tutta Italia i defibrillatori DAE semiautomatici esterni.

Resistenza

Protezione IP56

Affidabilità

8 anni di garanzia

Tecnologia

DAE portatili extra-ospedaliero

Potenza

Massimo energia 360J

Semplicità

Avvisi visuali e vocali

Convenienza

Minor costo di manutenzione

Innovazione

Connettività Wi-fi

Assistenza

Aggiornamenti gratuiti via USB