EMD112 - Prodotti e Formazione Salvavita

Amsterdam, 21enne di Cassino perde la vita a causa di un arresto cardiaco

L’ambulanza arriva sul posto 20 minuti dopo, ma Antonio Baggi è già privo di vita. Il 21enne è stato rianimato per più di un’ora e mezza, ma per lui non c’è più stato nulla da fare.

Si trovavano all’interno di un bar: Antonio Baggi, la fidanzata Annachiara Fiorillo e una coppia di amici, Luca Quagliozzi e Claudia Morelli. Avevano deciso di trascorrere 6 giorni di relax in una delle capitali più suggestive d’Europa.

Erano circa le 19, Antonio stava bevendo dell’acqua mentre i suoi compagni stavano gustando una cioccolata calda. Pochi secondi dopo Baggi è crollato a terra e, a causa di una crisi epilettica, è andato in arresto cardiaco.

Allertati immediatamente i soccorsi, l’ambulanza è arrivata sul posto 20 minuti dopo. Il personale sanitario ha iniziato immediatamente le manovre di rianimazione cardiopolmonare che sono proseguite per più di un’ora e mezza. Ma Antonio era già morto.

L’arresto cardiaco, si sa, va trattato entro pochissimi minuti. Quando il cuore smette di battere, le possibilità di sopravvivenza calano del 10% circa per ogni minuto che passa. Dopo soli 5 minuti, pertanto, la possibilità di tornare in vita è praticamente identica a quella di morire. Soltanto una scarica elettrica al cuore è in grado di ripristinare nel paziente una frequenza cardiaca regolare.

È per questo motivo che sarebbe di fondamentale importanza aumentare in maniera esponenziale la presenza dei DAE in tutti i luoghi pubblici: nei locali, nelle scuole, nelle piazze, per le strade e, in generale, in tutti quei luoghi in cui si verificano spesso affollamenti di persone.

Con un defibrillatore semiautomatico esterno a portata di mano, Antonio avrebbe potuto far ritorno a casa sulle sue stesse gambe. La sua salma, invece, rientrerà in Italia venerdì prossimo, dove la sua città, Cassino, lo attende per donargli un ultimo saluto.

Contattaci se desideri ulteriori informazioni in merito

Blog
Cronaca

A partire dal 1° dicembre 2020 attivo in Toscana il NUE112

Scopri di più

Blog
Cronaca

Diego Armando Maradona è morto per arresto cardiaco

Scopri di più

Blog
Cronaca

Arresto cardiaco durante la partita di beach volley, salvato dal defibrillatore

Scopri di più

Blog
Donazione defibrillatori

Donato il defibrillatore alla persona salvata nel 2018 in piscina a Ancona

Scopri di più

Blog
Donazione defibrillatori

Roma, donato il defibrillatore a FISE per il collega salvato da arresto cardiaco, che lo ha destinato alla cardioprotezione del suo condominio

Scopri di più

Blog
Beneficienza

Cecchini Cuore: 100 defibrilaltori donati, 480 installati e 12 persone salvate. Supporta anche tu la onlus

Scopri di più
Tra gli altri
ci hanno scelto
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza

I migliori prodotti
La Migliore assistenza

Offrire una seconda chance di vita a coloro che sono stati colpiti da arresto cardio-circolatorio proponendo e distribuendo in tutta Italia i defibrillatori DAE semiautomatici esterni.

Resistenza

Protezione IP56

Affidabilità

8 anni di garanzia

Tecnologia

DAE portatili extra-ospedaliero

Potenza

Massimo energia 360J

Semplicità

Avvisi visuali e vocali

Convenienza

Minor costo di manutenzione

Innovazione

Connettività Wi-fi

Assistenza

Aggiornamenti gratuiti via USB