EMD112 - Prodotti e Formazione Salvavita

35enne in arresto cardiaco, il defibrillatore non era a portata di mano

È successo a Scafati, venerdì 20 gennaio alle ore 22:30 circa. Un 35enne è arrivato all’ospedale con la propria automobile lamentando un dolore lancinante al petto: aveva un infarto in corso. Presso la struttura sanitaria, poi, il ragazzo è andato in arresto cardiaco. Non è raro, infatti, che a seguito di un infarto possa sopraggiungere un arresto cardio-circolatorio.

Il personale della postazione Psaut dell’ospedale di Scafati ha soccorso tempestivamente il ragazzo, ma il defibrillatore non era a portata di mano. Il medico presente, quindi, ha dovuto chiedere al 118 di prestargli il loro defibrillatore, altrimenti il ragazzo sarebbe morto.

La fortuna ha voluto che presso l’ospedale fossero presenti, in quel momento, volontari, autisti, infermieri e un medico della Croce del Sud che hanno immediatamente fornito il loro defibrillatore al medico del nosocomio.

Il 35enne è stato quindi defibrillato e stabilizzato ed, infine, trasportato d’urgenza all’ospedale di Nocera Inferiore. Pare che il ragazzo non sia più in pericolo di vita, ma è stata la buona sorte a far sì che sia stato salvato. E questo non dovrebbe succedere, soprattutto all’interno di una struttura sanitaria.

In caso di arresto cardiaco, si sa, è di vitale importanza intervenire entro i primi 2 o 3 minuti dalla manifestazione dell’evento mediante l’erogazione di una scarica elettrica al cuore del paziente: soltanto un defibrillatore, infatti, può ripristinare una frequenza cardiaca nella norma, ma esso deve essere utilizzato tempestivamente.

Per ogni minuto che passa, difatti, le possibilità si sopravvivenza diminuiscono del 10% circa. Dopo soli 5 minuti, quindi, la possibilità di sopravvivere è esattamente identica a quella di morire. Per questo motivo, i defibrillatori dovrebbero essere sempre a portata di mano: in strada, negli impianti sportivi, nelle scuole, sul posto di lavoro, eccetera.

L’augurio è quello che eventi come questi non abbiamo più un buon esito per una mera questione di fortuna…

 

Fonte: http://www.puntoagronews.it/cronaca/item/49396-scafati-arresto-cardiaco-in-ospedale-per-un-35enne-ma-il-defibrillatore-non-funziona-lo-scandalo.html
Contattaci se desideri ulteriori informazioni in merito

    Blog
    News

    L’importanza del defibrillatore per salvare vite

    Scopri di più

    Blog
    Cronaca

    Danimarca-Finlandia, Christian Eriksen ha un arresto cardiaco in campo

    Scopri di più

    Blog
    Cronaca

    Donna di 37 anni salvata grazie a 75 minuti di massaggio cardiaco

    Scopri di più

    Blog
    Donazione defibrillatori

    Donato il defibrillatore alla persona salvata nel 2018 in piscina a Ancona

    Scopri di più

    Blog
    Donazione defibrillatori

    Roma, donato il defibrillatore a FISE per il collega salvato da arresto cardiaco, che lo ha destinato alla cardioprotezione del suo condominio

    Scopri di più

    Blog
    Beneficienza

    Cecchini Cuore: 100 defibrilaltori donati, 480 installati e 12 persone salvate. Supporta anche tu la onlus

    Scopri di più
    Tra gli altri
    ci hanno scelto
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza

    I migliori prodotti
    La Migliore assistenza

    Offrire una seconda chance di vita a coloro che sono stati colpiti da arresto cardio-circolatorio proponendo e distribuendo in tutta Italia i defibrillatori DAE semiautomatici esterni.

    Resistenza

    Protezione IP56

    Affidabilità

    8 anni di garanzia

    Tecnologia

    DAE portatili extra-ospedaliero

    Potenza

    Massimo energia 360J

    Semplicità

    Avvisi visuali e vocali

    Convenienza

    Minor costo di manutenzione

    Innovazione

    Connettività Wi-fi

    Assistenza

    Aggiornamenti gratuiti via USB