EMD112 - Prodotti e Formazione Salvavita

Immagine rappresentativa

Morto un 52enne per un defibrillatore non funzionante e i ritardi dell’ambulanza

La manutenzione è obbligatoria oppure no? Ci sono responsabilità?

Il pomeriggio del 4 giugno 2024, la comunità di Pazzano, nella vallata dello Stilaro, è stata scossa da una tragica notizia: Andrej, un uomo di 52 anni, è deceduto per un arresto cardiaco improvviso mentre si trovava al bar.

Purtroppo, i tentativi di rianimazione sono stati ostacolati da un defibrillatore non funzionante e da un ritardo di quasi un’ora nell’arrivo dell’ambulanza.

La morte di Andrej ha evidenziato una serie di carenze nel sistema di emergenza locale.
Il defibrillatore in uso presso il comando dei vigili urbani non era operativo, e ciò ha costretto i soccorritori a fare affidamento esclusivamente sull’arrivo dell’ambulanza, che è giunta sul posto dopo quasi 1 ora.

I cittadini di Pazzano sono indignati e si sentono abbandonati dalle istituzioni. “Non si può morire per strada aspettando un’ambulanza,” hanno dichiarato, sottolineando le promesse non mantenute di una postazione di pronto soccorso nella zona.

Questo tragico evento mette in luce l’importanza cruciale della manutenzione regolare dei defibrillatori automatici e samiautomatici esterni (DAE), peraltro obbligatoria.

Un defibrillatore non funzionante equivale a un paziente morto.

La manutenzione periodica di questi dispositivi salvavita è fondamentale per garantire che siano sempre pronti all’uso in caso di emergenza.
Vi invitiamo a leggere questo articolo sulla manutenzione dei defibrillatori.

La maggior parte dei malfunzionamenti dei DAE sono imputabili a una carente o assente manutenzione, oltre che a un posizionamento scorretto degli stessi, all’impiego oltre il ciclo di vita indicato dal costruttore, al non corretto posizionamento o segnalazione che ne impedisce o ritarda l’individuazione ed il recupero e infine alla mancata sostituzione di batteria e/o elettrodi entro la data di scadenza.

La normativa che regolamenta i defibrillatori (adozione, manutenzione, segnalazione e formazione del personale) è soggetta a 3 leggi:

  1. Norma Europea CEI EN 62353 (CEI 62-148): definisce le verifiche generali periodiche dei dispositivi, rimandando inoltre alle specifiche del produttore per ciascun dispositivo, poiché solo in quel contesto, è possibile avere un dettaglio ulteriore della manutenzione ottimale per ciascun DAE, e soprattutto il ciclo di vita del prodotto, che corrisponde alla garanzia. Questa legge definisce anche l’obbligo di una corretta manutenzione.
  2. Legge 8 novembre 2012, n. 189 rivolta alle società sportive: definisce la dotazione e l’utilizzo di defibrillatori semiautomatici e di eventuali altri dispositivi salvavita da parte delle associazioni e delle società sportive dilettantistiche. Questa legge definisce anche l’obbligo di una corretta manutenzione.
  3. Legge 4 agosto 2021, n. 116 rivolta a PA e trasporti: definisce l’adozione da parte della Pubblica Amministrazione (uffici pubblici, scuola di ogni ordine e grado, luoghi pubblici), nei trasporti (mezzi e stazioni). Questa legge definisce anche l’obbligo di una corretta manutenzione.

Oltre alla manutenzione dei defibrillatori, è essenziale riconoscere che non è possibile fare affidamento esclusivamente sui mezzi del 112/118. Le ambulanze, come dimostrato dal caso di Pazzano, possono incontrare ritardi significativi a causa di problemi di viabilità, eventi concomitanti o difficoltà nel raggiungere zone disagiate.

La presenza di DAE funzionanti e facilmente accessibili può fare la differenza tra la vita e la morte nei primi cruciali minuti di un arresto cardiaco.

Il sottotitolo dell’articolo poneva il quesito se la manutenzione ed il mantenimento dello stato di efficienza dei DAE si obbligatorio e preveda responsabilità, la risposta e SI.
Non entriamo nel merito specifico di questo caso, qualora i vigili avessero adempiuto in modo corretto alla manutenzione del DAE come definito dalla legge europea (e alle indicazioni del costruttore, come definito nella legge stessa), dalla legge 116 rivolta alla PA, non vi saranno responsabilità.
Anche per il mezzo del 118, se i motivi del ritardo sono tra quelli indicati sopra, non vi saranno responsabilità.

È necessario tuttavia prendere questo evento come riferimento e comprendere che il DAE deve essere mantenuto in piena efficienza come la norma prevede.

Tutti gli obblighi in materia di sicurezza e primo soccorso sono importanti. Ad oggi diamo molto più peso alla scadenza dell’estintore (obbligatorio nelle aziende, pubblica amministrazione, uffici, società sportive, ..) e alla scadenza dei singoli consumabili contenuti nelle cassette di primo soccorso (D.Lgs. n. 81/2008), ma non al defibrillatore.

Tutti noi possiamo fare qualche cosa: verificate le scadenza di DAE e consumabili (al lavoro, nei ambienti sportivi che frequentate, nei luoghi pubblici e in particolare le scuole dei vostri figli), e segnalate eventuali problematiche ai responsabili (e nel caso non prendessero provvedimenti immediati segnalatelo alle autorità).

Evitiamo di individuare delle responsabilità dopo, lavoriamo assieme per la prevenzione!

Contattaci se desideri ulteriori informazioni in merito

    Blog
    Cronaca

    Morto un 52enne per un defibrillatore non funzionante e i ritardi dell’ambulanza

    Scopri di più

    Blog
    DAE/Cardioprotezione

    samaritan® PAD 500P: il defibrillatore che salva vite anche in condizioni estreme

    Scopri di più

    Blog
    DAE/Cardioprotezione

    Arresto cardiaco in Europa: dati statistici e implicazioni cliniche

    Scopri di più

    Blog
    Blog

    Arresto Cardiaco: Chiara Fornasari salvata dal DAE

    Scopri di più

    Blog
    Blog

    DAE e Cardioprotezione

    In Europa si verificano ogni anno circa 400mila arresti cardiaci (60mila in Italia) e si stima […]

    Scopri di più

    Blog
    Donazione defibrillatori

    Donato il defibrillatore alla persona salvata nel 2018 in piscina a Ancona

    Scopri di più
    Tra gli altri
    ci hanno scelto
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza
    Referenza

    I migliori prodotti
    La Migliore assistenza

    Offrire una seconda chance di vita a coloro che sono stati colpiti da arresto cardio-circolatorio proponendo e distribuendo in tutta Italia i defibrillatori DAE semiautomatici esterni.

    Resistenza

    Protezione IP56

    Affidabilità

    8 anni di garanzia

    Tecnologia

    DAE portatili extra-ospedaliero

    Potenza

    Massimo energia 360J

    Semplicità

    Avvisi visuali e vocali

    Convenienza

    Minor costo di manutenzione

    Innovazione

    Connettività Wi-fi

    Assistenza

    Aggiornamenti gratuiti via USB