EMD112 - Prodotti e Formazione Salvavita

Immagine rappresentativa

Diego Armando Maradona è morto per arresto cardiaco

Inutili di tentativi di rianimazione nella sua abitazione

Diego Armando Maradona è morto per arresto nella sua casa di Tigre, nella zona del Nordelta, centro residenziale appena fuori da Buenos Aires.

Il 30 ottobre 2020 aveva compiuto 60 anni.

A darne notizia ieri, il quotidiano argentino El Clarìn, notizia che ha fatto subito il giro del mondo.

Dieci giorni fa Maradona aveva lasciato l’ospedale a La Plata, circa 50km da Buenos Aires, dopo un intervento al cervello a causa di sintomi di anemia, ansia e depressione.

I medici avevano rilevato il coagulo di sangue causato da un colpo alla testa e lo avevano trasferito alla clinica Olivos per l’operazione.

Dal ricovero il 2 novembre, le dimissioni e il ritorno a casa il 12 novembre.

Maradona è morto intorno a mezzogiorno, dopo che i medici che lo assistevano lo hanno soccorso praticando le manovre di rianimazione cardio-polmonare, ma senza successo.

L’ex Pibe de Oro è stato uno dei più grandi interpreti del calcio in tutta la storia di questo sport.

In questo breve articolo non ci soffermeremo sugli aspetti sportivi, per questo rimandiamo ai numerosissimi siti e canali specializzati.

L’arresto cardiaco, che ancora una volta colpisce all’interno di una abitazione, dove trascorriamo la maggior parte del nostro tempo assieme alle persone più care, non guarda in faccia a nessuno.

L’arresto cardiaco viene chiamato anche arresto cardiaco improvviso, perché può colpire chiunque, anche senza patologie cardiocircolatorie.
In Italia muoiono ogni anno 60.000 persone, circa 8 ogni ora, circa 1 persona ogni 1.000 abitanti.

L’aspettativa di salvataggio è del 5%.
Con una cardiprotezione capillare (casa, scuola, lavoro, dae pubblici, PA, etc..) l’aspettativa di salvataggio sarebbe dell’80%.

L’augurio è che sempre più persone comprendano che si può fare qualche cosa di molto concreto per avere una seconda chance di vita a seguito di un arresto cardiaco, ed ha il costo di circa 1 pizza al mese con una soluzione di noleggio, si chiama defibrillatore.

Ciao Diego Armando Maradona, mago del pallone.

Diego Maradona Diego Maradona e Papa Francesco Diego Armando Maradona Diego Armando Maradona e Fidel Castro 183002534-4dd93004-f133-42bb-9572-f0fb167aa0fe
Contattaci se desideri ulteriori informazioni in merito

Blog
Cronaca

DAE Obbligatori nella Pubblica Amministrazione, il ddl ancora fermo al Senato

Scopri di più

Blog
DAE/Cardioprotezione

Defibrillatore Automatico, cos’è e come funziona

Scopri di più

Blog
Cronaca

A Torino taxi dotati di defibrillatore e autisti formati all’utilizzo

Scopri di più

Blog
Donazione defibrillatori

Donato il defibrillatore alla persona salvata nel 2018 in piscina a Ancona

Scopri di più

Blog
Donazione defibrillatori

Roma, donato il defibrillatore a FISE per il collega salvato da arresto cardiaco, che lo ha destinato alla cardioprotezione del suo condominio

Scopri di più

Blog
Beneficienza

Cecchini Cuore: 100 defibrilaltori donati, 480 installati e 12 persone salvate. Supporta anche tu la onlus

Scopri di più
Tra gli altri
ci hanno scelto
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza
Referenza

I migliori prodotti
La Migliore assistenza

Offrire una seconda chance di vita a coloro che sono stati colpiti da arresto cardio-circolatorio proponendo e distribuendo in tutta Italia i defibrillatori DAE semiautomatici esterni.

Resistenza

Protezione IP56

Affidabilità

8 anni di garanzia

Tecnologia

DAE portatili extra-ospedaliero

Potenza

Massimo energia 360J

Semplicità

Avvisi visuali e vocali

Convenienza

Minor costo di manutenzione

Innovazione

Connettività Wi-fi

Assistenza

Aggiornamenti gratuiti via USB